Poco più di un mese fa vi abbiamo parlato dei nuovi domini gTLD e di come gli italiani si siano fatti soffiare domini caratteristici come .roma e .pizza da un broker inglese. Adesso, Aruba ci fornisce i primi dati relativi ai trend dei nuovi domini in Italia. Vediamo, dunque, cosa ne è venuto fuori.

Le richieste per i nuovi domini arrivate ad Aruba.it sono state effettuate per il 28 percento da lavoratori autonomi, per il 31 da imprese e per il restante 41 percento da privati. La volontà di ottenere informazioni sui nomi a domini di primo livello (gTLD), dunque, è manifestata sia da aziende che da privati. Inoltre, altro dato molto interessante, tra tutte le aziende che hanno specificato il proprio ambito di appartenenza, il 22 percento ha dichiarato di appartenere al settore di commercio e prodotti, con domini richiesti come .shop e .store.

Tra le estensioni più interessanti per gli utenti Aruba spiccano i domini italofoni, dal .pizza al .bar e dal .roma al .casa, quest’ultimo il più richiesto nella categoria. Ogni richiesta inoltrata ad Aruba, inoltre, contiene in media 37 richieste, e ciò ci dice che tanta gente è interessata a pacchetti di domini, forse per preservarsi dal cybersquatting.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter