DJI ha presentato i nuovi droni Phantom 4 Pro ed Inspire 2. Trattasi di due droni ad altissime prestazioni, il primo dedicato al mercato consumer anche se di fascia altissima ed il secondo per i professionisti della ripresa. Con questi due nuovi prodotti l’azienda cinese dimostra ancora una volta di essere leader nella produzione dei multirotore.

DJI Phantom 4 Pro

Trattasi dell’evoluzione dell’attuale Phantom 4 che rimane ancora a listino. Rispetto al vecchio modello, il nuovo Phantom 4 Pro guadagna in autonomia, circa 30 minuti di volo, ma soprattutto diventa molto più smart. Il sistema di riconoscimento degli ostacoli funziona, adesso, a 360 gradi (attualmente funziona solamente davanti). I sensori permettono, infatti, di vedere tutto attorno al drone sino ad una distanza di 30 metri, anche in ambienti indoor. Questo significa che il drone potrà volare con maggiore sicurezza e potenzialmente di percorrere anche tratti stretti e ricchi di insidie senza alcun problema.

Migliorato nettamente anche i comparto fotografico grazie all’introduzione di una fotocamera con sensore da 2 pollici e 20 MP, con 12 stop di dynamic range per catturare il massimo dei dettagli anche con poca luce. Garantiti ottimi scatti e riprese anche a 4K. Ottimizzate anche le prestazioni. Il Phantom 4 Pro raggiunge una velocità massima in modalità sport di 72 Km/h che si ferma a 50 con la modalità di evitamento degli ostacoli attivata.

Nuovo è anche il controller che nella variante plus dispone di uno schermo integrato che sostituisce lo smartphone da cui gestire tutte le opzioni del drone. Prezzi a partire da 1699 euro.

DJI Inspire 2

Il drone per le riprese semi professionali è stato nettamente migliorato. Realizzato con un frame in lega di alluminio e magnesio per una maggiore robustezza, dispone adesso di una doppia batteria ridondante per evitare qualsiasi situazione di pericolo. Anche alcuni sistemi di bordo sono stati resi ridondanti per garantire la massima sicurezza in volo. Sempre eccellenti le prestazioni con una velocità massima in salita ed in discesa di 6 e 9 metri al secondo.

Compatibile con ZenMuse x4S e X5S per un uso davvero professionale, il drone dispone nativamente di una fotocamera da 20MP ad altissime prestazioni. Tante le opzioni di ripresa e tra gli optional uno schermo da installare sul radiocomando per eliminare la dipendenza da smartphone. L’Inspire 2 può essere sempre utilizzato con due radiocomandi, uno per la guida ed uno per gestire le riprese.

Nuove anche le eliche realizzate per consentire di utilizzare il drone anche in alta quota in montagna. Debutta sull’Inspire 2 anche il sistema di evitamento degli ostacoli del Phantom 4 Pro. Prezzi a partire da 3399 euro.