Il digitale terrestre è in continuo cambiamento, il decreto fiscale approvato dal Governo Monti ha inserito la scadenza del 1° gennaio 2015 come data entro la quale tutti i decoder in commercio dovranno risultare compatibili con lo standard DVB-T2.

Il nuovo standard DVB-T2 porterà vantaggi come la possibilità di lasciando libere un maggior numero di frequenze rispetto ad oggi, si potranno trasmettere anche un flusso di dati 3D.

Lo standard DVB-T2 potrebbe introdurre la “ultradefinizione”, chiamata anche “4K resolution”, una tecnologia che permette una risoluzione orizzontale a ben 4.000 pixel.