La tecnologia riduce le distanze e spesso questo particolare è stato usato per accomunare internet alle tematiche ecologiche. Nel caso di Slowd.it è possibile davvero parlare di filiera corta del design. Spieghiamo bene quest’idea presentata al Fuorisalone 2012. 

Andrea Cattabriga è il 31enne ideatore di Slowd.it e lavora con Sebastiano Longaretti, un architetto di 33 anni che è anche promotore del progetto. Insieme cercano di offrire visibilità agli artigiani e costruire un modello di design a chilometro zero da replicare in tutta Italia.

Al momento si tratta di una start-up. Slow.it è una piattaforma che consente agli artigiani i iscriversi e promuovere i loro prodotti. I clienti interessati a certi prodotti saranno serviti dagli artigiani più vicini alla loro residenza.

Cattabriga ha spiegato che in questa fase di lancio del progetto, nella rete ci sono una decina di artigiani che si sono offerti di collaborare con una serie di prototipi presentati al Salone del mobile di Milano. Per esempio la sedia Miki Chair che oltre ad essere ergonomica, se acquistata insieme ad altre “sorelle” disegna un paesaggio nel vostro salotto.

Il prezzo di vendita dei prodotti è definito sulla base della media dei prezzi proposti dagli artigiani. Slowd.it poi riconosce ai designer delle roualties fino al 10%. Agli ideatori del progetto andranno percentuali variabili dal 5 al 15%.