Dell ha confermato che Sputnik, la variante di XPS 13 con Ubuntu pre-installato, sarà disponibile anche in Italia: parliamo d’un laptop di tutto rispetto con processore Intel Core i7 e 8Gb di RAM, ottimizzato per la distribuzione di Canonical. Alessio Biancalana l’aveva accennato parlando della versione con Windows 8. Al contrario dei predecessori, questo XPS 13 ha uno schermo Full-HD a 1080p e concordo sul fatto che possa competere coi MacBook. Anziché puntare sul laptop di Google, personalmente sceglierei il prodotto di Dell.

Nonostante la probabile acquisizione delle quote da parte di Microsoft, Dell non ha ancora interrotto la partnership con Canonical: questo XPS 13 installa Ubuntu 12.04 LTS, che non è l’ultima versione disponibile, ma un rilascio con supporto a lungo termine per garantire la stabilità del sistema operativo. Sono due gli interrogativi in sospeso, cioè quando arriverà in Italia e quanto costerà. Negli Stati Uniti è proposto a $1.549, più dell’equivalente con Windows 8. La licenza di Microsoft non sembra incidere granché sul prezzo.

Insieme a Sputnik, Dell propone una serie di strumenti open source per lo sviluppo che fanno del laptop una Developer Edition. Secondo me, non è un prodotto adatto esclusivamente agli sviluppatori: XPS 13 può rispondere alle esigenze di qualunque professionista, pure quelli che al momento non potrebbero sfruttare Chrome OS e Chromebook Pixel. Gli utenti finali, però, dovrebbero optare per qualcosa di meno performante. Se l’obiettivo è navigare sul web, insomma, basta un tablet a basso costo. Per tutti gli altri c’è Dell XPS 13.