Quanto è importante il titolo di studio per entrare a far parte di un’azienda? In molti casi, quando la selezione non passa per la conoscenza personale, il curriculum vitae è un vero passepartout. Il Ceo di Yahoo, ne usò uno taroccato ma fu assunto lo stesso. Come mai?

Le grandi aziende dovrebbero essere garanzia d’imparzialità per quanto riguarda l’assunzione dei loro collaboratori, dipendenti e dirigenti. Qualche volta però possono incorrere in altri errori, magari legati alla non verifica dei titoli di chi si presenta curriculum alla mano.

La vicenda che vi raccontiamo riguarda il Ceo di Yahoo! Scott Thompson che è entrato in azienda millantando un diploma in computer science che non ha mai ottenuto. Nella Silicon Valley non si sono posti troppe domande, soprattutto perché si sarebbero scatenate le inchieste.

Il maggiore azionista di Yahoo! però non ha voluto rimanere con il rimorso e sapendo di questo “equivoco” ha confessato all’assemblea le sue conoscenze, ha accusato Thompson di aver dichiarato il falso.

Poi ci ha pensato Loeb a dimostrare che Thompson non poteva aver conseguito il diploma in computer science, quattro anni prima che il corso fosse attivato nel suo ateneo. La laurea ce l’ha ma in contabilità. Un titolo che in termini economici vale molto meno.