Anche l’Italia avrà una Costituzione per internet. La Presidente della Camera Laura Boldrini è infatti impegnata da tempo nella ricerca di alcuni principi regolatori generali che possano in qualche modo porre un freno a quella che sembra essere la galassia sostanzialmente priva di regole che è il web. La stessa Boldrini si è lamentata più volte degli attacchi subiti in rete e di come sia quasi impossibile farvi fronte. La Carta dei Diritti che a breve sarà presentata ai Parlamenti europei a Roma il prossimo 13 ottobre si prefigge dunque lo scopo di fissare delle regole minime di comportamento per tutti i soggetti che si servono di internet a vario titolo.

Per il momento è stata annunciata una prima bozza della carta costituzionale: i passi successivi saranno la discussione, la votazione online, le eventuali modifiche e infine l’adozione da parte del parlamento italiano (com’è già avvenuto in Brasile, ad esempio). Secondo la Boldrini: “L’idea di costituire una Commissione di studio nasce dalla consapevolezza che considerare Internet uno dei vari media è riduttivo e improprio. Internet è molto di più: è una dimensione essenziale per il presente e il futuro delle nostre società. E’ una dimensione diventata in poco tempo un immenso spazio di libertà, di crescita, di scambio e di conoscenza“.

Cosa tenterà di regolare sostanzialmente questa Carta dei Diritti? Da un primo sguardo alla bozza, sembra che la futura Costituzione per internet sarà incentrata a garantire la neutralità e la trasparenza della rete; ad assicurare tutti quei diritti umani e quelle libertà fondamentali che sono tipici di ogni carta costituzionale adottata nei Paesi democratici; a tutelare la riservatezza dei dati personali e l’identità di ogni utente; a garantire tutti i diritti di cittadinanza degli utenti (apertura dei dati del settore pubblico, accesso universale…); a promuovere e a favorire la diffusione della cultura e della conoscenza; a promuovere la sicurezza individuale, l’educazione a Internet e a tutelare alcune categorie di utenti (come ad esempio i minori):

photo credit: lastquest via photopin cc