Uno dei cinque blog più seguiti del mondo è Boing Boing ed appartiene a Cory Doctorow, considerato da più settori il guru in tema di privacy. Da lui arriva l’allarme su Facebook ed Apple Store.La proposta di Cory Doctorow è quella di diffidare totalmente da Facebook e dall’Apple Store che espropriano i dati personali degli utenti. Il ragazzo, perché è nato nel 1971, parla con cognizione di causa. È nato in Canada e da diversi anni si occupa di informatica e di sicurezza.

Il suo audience è molto elevato visto che a seguirlo non sono i soliti smanettoni, benché il look da nerd che ha lo lasci intendere. Il suo sito fa registrare circa nove milioni di contatti al mese. Da circa 10 anni monitora e tiene d’occhio l’andamento de www, collaborando nella stesura dei post con Mark Frauenfelder, David Pescovitz e Xeni Jardin.

Secondo Doctorow invitare le persone ad usare Facebook e gli Apple Store, vuol dire insegnare loro a rinunciare alla privacy, a non rispettare la propria privacy. Da tenere in considerazione anche il fatto che le relazioni instaurate via web non sono genuine.

Il che vuol dire che nel lungo periodo questo tipo si sistemi che imbrigliano gli utenti e li costringono al rispetto di alcune norme, sono destinate all’esaurimento.