Scaricare la propria posta elettronica su un client è sicuramente più comodo che gestirlo attraverso una webmail come può essere intesa benissimo Gmail. Questo per diversi motivi: perché la si può gestire anche senza una linea internet, perché è di più immediata consultazione o perché, banalmente, ci troviamo in determinate zone dove magari non c’è sempre la possibilità di rimanere connessi. Un punto a favore dell’account di posta di casa Google è la sua facile configurazione su qualsivoglia client di posta elettronica e la sua versatilità. Basta infatti il proprio protocollo POP (oppure IMAP in alternativa) e SMTP ed il gioco è fatto. Entrambi, però, devono prima di tutto essere attivati proprio da Gmail all’interno del vostro account di posta elettronica. Un’operazione molto semplice da realizzare: il tutto è riportato anche nelle guide online di Gmail ma noi vi guideremo qui passo dopo passo.

IMPOSTARE IL PROTOCOLLO POP e SMTP

Per prima cosa, come dicevamo, i protocolli POP (o IMAP in alternativa) e SMTP vanno impostati su Gmail. Nella parte destra del vostro account accedete a “Impostazioni” e selezionate poi “Inoltro e POP/Imap”. Qui andrete a selezionare “Attiva POP per tutti i messaggi (anche i messaggi già scaricati) e poi salvate. Una volta conclusa questa operazione, il browser Internet si può chiudere e si può accedere al proprio client di Posta Elettronica, sia questo Outlook Express, Microsoft Outlook 2000/2003 o un altro tra i tanti programmi di posta elettronica presenti. Se dobbiamo settare la nostra corrispondenza Gmail in Outlook Express, andremo ad aprire il menù Strumenti, poi Account e clicchiamo sul pulsante Aggiungi – Posta Elettronica. Qui non bisogna fare altro che compilare le informazioni richieste, nserendo il nostro Nome e Cognome o qualsiasi testo si voglia far apparire come mittente delle email che andremo ad inviare.

Configurare Gmail

Configurare Gmail

Nella successiva finestra che si viene ad aprire inseriremo il nostro indirizzo di Gmail. Attenzione: questo è un campo da compilare con la massima attenzione, in quanto se inseriamo un indirizzo errato la configurazione sarà impossibile da completare. Completata anche questa procedura, andremo ad impostare finalmente il server di posta in arrivo (POP3) e il server di posta in uscita (SMTP), rendendo attiva la nostra casella di posta elettronica di Gmail all’interno di Outlook Express. I parametri da inserire saranno questi: pop.gmail.com e smtp.gmail.com.

Configurare gmail

Configurare gmail

Successivamente andremo ad inserire come nome account l’indirizzo completo di Gmail e la password. Così facendo abbiamo creato una nuova identità che corrisponde alla nostra casella di posta di Gmail. Per concludere l’impostazione, andremo in “Strumenti“, “Account” e selezioneremo l’entità creata. Dal pannello “Proprietà“, alla voce “Impostazioni Avanzate“, selezioniamo le opzioni “Il server necessita di una connessione protetta (SSL)” sia per la sezione Posta in Arrivo che Posta in Uscita. Per la prima inseriremo 465, per la seconda 995″, ovvero le due porte necessarie a Gmail per poter funzionare a pieno regime.

PARAMETRI DI GMAIL

Configurare Gmail in un client di Posta Elettronica è molto semplice. Qui abbiamo riportato l’esempio di Outlook Express, ma il percorso da seguire è il medesimo per ogni altro programma di mailing. Da ricordarsi saranno sempre il protocollo POP (pop.gmail.com, Porta 995, settare SSL) oppure in alternativa IMAP (imap.gmail.com, porta 993, cifratura ssl) e quello SMTP (smtp.gmail.com, porta 587, settaggio tls). Gmail funziona ottimamente anche su altre webmail, ma è sicuramente un’eccezione in questo panorama, in quanto offre una moltitudine di servizi che gli altri possono concedere agli utenti ma solo a pagamento. Inoltre, è possibile impostare anche la modalità https, il protocollo che cripta le varie comunicazioni se ci connettiamo ad un hotspot, ad una wireless pubblica o in senso lato ad una rete poco sicura. Di sicuro si tratta della migliore webmail presente sul mercato, con una configurazione client molto semplice e la presenza da non sottovalutare anche di IMAP, che permette di evitare i classici errori del protocollo POP. Sul sito di Gmail possiamo trovare la guida online che riporta tutte le informazioni a riguardo e molto altro ancora. D’altronde se si tratta del servizio di emailing maggiormente diffuso al mondo, un vantaggio dovrà pure averlo. Senza dimenticare che, anche a livello aziendale, sono ormai sempre più le realtà che hanno deciso di sposare la causa di Gmail usufruendo dei suoi servizi e dei suoi spazi in larga misura. Soprattutto quando il volume di email inizia a diventare molto importante.