Samsung organizzerà il 1 e 2 dicembre, sabato e domenica, l’edizione italiana del concorso europeo di Angry Birds sulle Smart TV: i giocatori qualificatisi voleranno a Londra per sfidare gli altri campioni il 13 dicembre. Le selezioni hanno luogo in alcuni negozi di Media World o Saturn sparsi sulla Penisola, ma per consultare la lista completa dei rivenditori che partecipano all’iniziativa occorre visitare la pagina di Samsung Italia su Facebook. L’iscrizione al concorso è riservata ai maggiorenni e limitata al fine settimana.

Il premio in palio per i sei giocatori italiani più bravi ad Angry Birds è un viaggio d’andata e ritorno da Milano a Londra in pensione completa al Millennium & Copthorne Hotel per due giorni, dal 12 al 14 dicembre, oltre alla partecipazione alle finali del torneo di All Star Team: l’eventuale trasferimento al capoluogo lombardo avverrebbe in treno a spese di Samsung. Le qualificazioni alla manifestazione londinese saranno comunicate il 5 dicembre e dovranno essere confermate entro il 7 dicembre. I tempi sono piuttosto “tirati”.

Perché Samsung ha organizzato un concorso di Angry Birds? Le Smart TV della multinazionale coreana integrano dalla serie 7000 un innovativo sistema di controllo delle gestualità, sulla falsariga di Kinect per Xbox 360, che permette di giocare dal proprio divano al famoso videogame di Rovio. Angry Birds è un simbolo delle applicazioni per smartphone e tablet che possono essere installate sulle Smart TV di Samsung: il market dedicato ne contiene altre 60 italiane e 300 internazionali per accedere a un’inedita esperienza di gioco.

Le Smart TV non prevedono giusto la registrazione delle gestualità: il controller integrato nel televisore include il riconoscimento vocale e un profilo dell’utente sul web per gestire le applicazioni installate. Samsung aggiorna annualmente il software delle Smart TV da un kit dedicato affinché i televisori siano al passo con le ultime soluzioni disponibili. Chi possiede un dispositivo della gamma di Galaxy, inoltre, può amministrare il sistema da Android col proprio smartphone o tablet che è trasformato in un secondo schermo.

Quando ho saputo delle interessanti funzionalità proposte da Samsung sulle Smart TV ho subito pensato al prezzo: una tecnologia simile, predisposta al 3D, doveva avere un costo troppo sostenuto. Al contrario, i televisori più economici partono da 950€ a 40” fino ad arrivare a 3400€ a 65”. Non è certo un listino per tutti, ma neppure improponibile come immaginavo. In prossimità del Natale qualcuno potrebbe pensare d’inserire una Smart TV nella propria lista dei desideri… e non dovrebbe preoccuparsi della compatibilità con Sky 3D.

Le Smart TV di Samsung permettono di noleggiare o acquistare i film da internet, navigare sul web, leggere i quotidiani online e utilizzare i Galaxy per registrare i contenuti. È una forma d’intrattenimento orientata a chi avesse la possibilità d’investire una cifra moderatamente elevata: i kit d’aggiornamento delle Smart TV non sono gratuiti, però hanno un prezzo accettabile. È davvero un accessorio indispensabile? Questo argomento meriterebbe delle valutazioni più approfondite, che m’impegno ad affrontare nel prossimo futuro.