Ogni volta che i blog ricordano il compleanno di internet, leggiamo una data diversa. Personalmente, ne avrò viste tre o quattro negli ultimi dieci mesi, e da qui la grande domanda: quanti compleanni ha internet?
Ne ha un sacco, se consideriamo tutta la sua storia dalla creazione di Arpanet, e infatti lo stesso creatore Tim Berners-Lee ha osservato che non c’è mai stato un vero momento EUREKA!, una data ufficiale e definitiva, ma mettendo insieme gli eventi principali della storia del web, o almeno per i quali abbiamo a disposizione una data certa, vengono fuori 10 compleanni di internet.

7 febbraio 1958
In risposta al lancio dello Sputnik sovietico, gli USA creano un’agenzia per la ricerca in settori strategici per la difesa, ARPA (Advanced Research Project Agency). La maggior parte dei suoi progetti legati alla corsa allo spazio passeranno poi alla NASA, e l’ARPA sposterà le sue ricerche sul settore informatico.

28 maggio 1961
Un sabotaggio a un ripetitore della AT&T interrompe le comunicazioni intercontinentali, dimostrando così le teorie di Paul Baran sul bisogno di una rete di comunicazione meno vulnerabile (anche in caso di attacchi nucleari) e soprattutto decentralizzata, priva cioè di un punto nevralgico da attaccare. Parte così il progetto ARPANET.

29 ottobre 1969
Università della California, ore 22:30. Lo studente Charley Kline realizza il primo collegamento remoto tra due computer dell’università della California e dello Stanford Research Institute.

1 gennaio 1983
La vecchia rete difensiva militare degli Stati Uniti, ARPANET, completa il passaggio al protocollo di comunicazione a pacchetto TCP/IP, che diventerà il protocollo per eccellenza del futuro internet.

30 aprile 1986
A Pisa, sede del Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico (CNUCE), viene realizzata la prima connessione dall’Italia.

12 marzo 1989
Tim Berners Lee, fisico del CERN di Ginevra, scrive un memo ai suoi capi, spiegando che aveva l’idea di collegare il mondo con una rete chiamata World Wide Web. I suoi capi gli risposero che quel progetto “vago ma interessante” probabilmente non avrebbe portato grosse innovazioni.

28 February 1990
Vinton Cerf, uno dei pionieri del web, condivide in rete un requiem per la fine di ARPANET, che lasciava il posto a quella che già iniziava a chiamarsi Internet.
It was the first, and being first, was best,
but now we lay it down to ever rest.
Now pause with me a moment, shed some tears.
For auld lang syne, for love, for years and years
of faithful service, duty done, I weep.
Lay down thy packet, now, O friend, and sleep.

6 agosto 1991
Tim Berners-Lee e Robert Cailliau, da un computer NeXT, creano il primo sito web http://info.cern.ch/, dove si spiegava cos’era il www e fungeva da motore di ricerca per le altre poche pagine raggiungibili solo da lì. Lo stesso giorno Tim manda un messaggio al newsgroup alt.hypertext per far conoscere il web al resto del mondo.

22 aprile 1993
Al National Center for Supercomputing Applications viene realizzata la prima versione del primo browser della storia, Mosaic, programmato per Unix X Window System da Marc Andreessen e Eric Bina.

30 aprile 1993
Il Cern rinuncia a ogni diritto d’autore su internet, e rende internet di pubblico dominio.