Ultimamente ho avuto la necessità di fornire una mia foto per un nuovo progetto. Doveva essere a tutti i costi a colori e siccome l’immagine che uso di solito è in bianco e nero ho dovuto crearne un’altra. Ho fatto un paio di scatti e via, senza dare troppo peso a come sarebbe venuta. Errore madornale, dovuto alla fretta, ma imperdonabile comunque. La nostra immagine è uno dei punti chiavi del personal branding.

Mi sono quindi messo a cercare un po’ di cose a riguardo e ho scoperto che come venire bene in foto è un tema piuttosto interessante, quindi vi condivido i “trucchi” che ho raccolto seguendo una discussione su Quora.

Fate in modo che il fotografo stia sopra di voi, o quantomeno che non vi fotografi dal basso verso l’alto.

Per esperienza personale, fatevi scattare una valanga di foto. Scartate quelle brutte. Scartate quelle bruttine. Fra le rimaste, scegliete quella in cui “dite” qualcosa.

Aprite le gambe, portare il peso sulla gamba più dietro, allungate il collo e inclinate un poco il mento.

Chiudete gli occhi un attimo, riapriteli e guardate da un’altra parte, sopra la fotocamera. Cercate di guardare verso la luce e provate a sorridere o dire qualcosa. In questo modo la luce si rifletterà sui vostri occhi e sul volto.

Detto questo, valgono le regole base. Fate attenzione a quello che indossate: sempre meglio un vestito a tinta unita per concentrare l’attenzione su di voi. Occhio allo sfondo: fate in modo che sia il più uniforme possibile. E, manco a dirlo, state attenti a non mettervi fra il fotografo e il sole!

Se poi volete ritoccare la foto, provate a seguire i consigli per usare The Gimp o Photoshop nella guida di Federico Moretti.

photo credit: Johnragai via photopin cc