Scegliere un notebook, nel 2014, significa considerare una serie di caratteristiche per evitare un incauto acquisto che comporti una rapida obsolescenza del nuovo computer portatile. Quali? Dipendono soprattutto dalle esigenze dell’acquirente: a seconda dell’utilizzo, alcune specifiche sono più importanti di altre. Prendendo in considerazione i modelli con Windows 8.1, abbiano diverse opzioni – senza elencare gli slate come Surface 2, che piuttosto rientrano in un’altra categoria (che io pure sarei portato a non sottovalutare).

Schermo

Lo schermo è essenziale: non scenderei sotto i 13″, che grossomodo corrispondono alla media dei modelli sugli scaffali dei negozi, e valuterei l’opzione del touchscreen se l’obiettivo è impiegarlo in progetti di design. La risoluzione? Non scenderei sotto i 1920×1080, in Full HD.

Connettività

Prima di passare ai componenti, parlerei di connettività. In Italia potrebbe essere determinante avere il supporto a 3G o 4G/LTE, oltre al WiFi, dal momento che spesso quest’ultimo non è previsto o non funziona. Bluetooth 4.0 è praticamente obbligatorio, ma ignorerei Thunderbolt.

Processore

La scelta, se parliamo di Ultrabook è limitata a Intel Haswell e AMD Richland: i benchmark dimostrano la prevalenza dell’uno o dell’altro a seconda dei test, però ad oggi io non sceglierei un portatile con ARM – per via della scarsa appetibilità a breve termine di Windows 8.1 RT.

Scheda Video

Qui la gamma è molto più ampia: in generale, starei su AMD o NVIDA se il notebook è orientato al gaming – e quindi partirei da schermi sui 20″ e almeno il doppio della RAM – oppure Intel se l’obiettivo è la produttività. La scelta del singolo modello dipende sempre dall’utilizzo.

Memoria

Quanto alla RAM, sceglierei almeno 8Gb: diversi modelli ne prevedono l’espansione, ma non conosco molti che l’abbiano mai effettuata. Per giocare potrebbero servirne anche 32Gb. L’hard disk del designer è da almeno 1Tb, ad altre figure professionali potrebbe bastare pure la metà.

Periferiche

Ho elencato Bluetooth e Thunderbolt nella connettività, ma sarebbe più opportuni inserirli fra i protocolli di comunicazione per le periferiche: non possono mancare USB e HDMI, in alternativa a DisplayPort. Io penso siano indispensabili anche gli ingressi per le SD e Card Reader.

Mi rendo conto che siano indicazioni piuttosto generiche, ma ogni singolo elemento richiederebbe un intervento a sé. L’importante, secondo me, è capire cosa guardare sul cartellino del negozio: il peso dei notebook parte da 1,3kg e sale in base alla dimensione dello schermo. Il touchpad è presente su tutti i nuovi modelli, mentre i lettori DVD o Blu-ray sono scomparso. Non investirei subito sul supporto al 4K, non soltanto per il prezzo elevato. È che al momento non servirebbe granché – quindi non spenderei tanto pur di averlo.

photo credit: IntelFreePress via photopin cc