Io per Jeff Bullas stravedo. È una delle migliori fonti per avere sempre a portata di mano l’ultima ricerca su Twitter e capire come usarlo al meglio. Anche se seguite i dieci comandamenti che ci ha dato @lddio infatti non è che potete ignorare la continua evoluzione di Twitter, che con l’ultimo update ha addirittura triplicato le timeline. Dunque, dopo avervi proposto una guida a Twitter sulla base dei dati, ecco che vi rigiro i 9 consigli per avere più retweet pubblicati qualche giorno fa da Jeff, estratti da una ricerca di Trasckmaven, al solito con il mio commento.

  1. Twitta di domenica e di giovedì: ok, sembra una cosa folle, ma è anche logica. Molta gente va su Twitter quando non ha nulla da fare, e quindi la domenica ok, ma dopo la domenica il giorno più gettonato è giovedì, e questo te lo aggiungo io. Perché? Boh, statistiche.
  2. Corollario del primo punto è il secondo: twitta fra le 10 e le 11 di sera, così che prendi la gente che si riposa e acchiappi pure quelli che stanno sul divano con la TV accesa e il pollice twittarolo. Aggiungo: non dimenticare fra le 7 e le 8 e fra le 18 e le 19, gli orari di punta in cui i pendolari si appiccicano ai loro smartphone.
  3. Abbonda di hashtag. Cinque è il numero giusto, se riesci a infilarceli. In quel caso avrai 0.301 retweet di media contro 0.116 dei tweet senza hashtag.
  4. Metti i link prima della fine del tweet: è evidente, così balzano di più all’occhio;
  5. Usa le immagini: ti possono fruttare il quadruplo dei retweet.
  6. Ancora immagini: se le ritagli con formato 438×219 saranno perfette per la preview di Twitter si vedranno anche in Timeline, con un 25 per cento in più di possibile di essere retwittate.
  7. Usa la parola retweet al post di RT: è probabile che ti si filino di più, 1.500 volte di più!
  8. Usa il punto esclamativo. Vabbe’, di questo avevamo già parlato.
  9. Usa il maiuscolo: potresti avere il 550 per cento di probabilità in più di essere retwittato, ma ti consiglio di non abusare di questa cosa. Il maiuscolo equivale a urlare e puoi usarlo giusto se ti capita di avere qualcosa di importante da dire, mica sempre.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+