Gli italiani fanno un uso molto particolare dei social network che deve essere studiato anche in relazione agli sviluppi futuri del web e della società stessa. Ecco un’analisi proposta su Wired che cerca di prendere spunto dal comportamento online dei nostri connazionali.

Durante lo State of the net, diffuso anche in streaming, Vincos (Vincenzo Cosenza) ha analizzato l’uso della rete che fanno gli italiani, ponendo attenzione al fatto che le prossime elezioni saranno le elezioni della rete.

Non c’è quindi da stupirsi se Twitter, usato molto intensamente dagli artisti, sia diventato anche uno strumento di comunicazione per i politici che cercato tools snelli per trasmettere il proprio pensiero ed aprire discussioni utili allo sviluppo sociale.

Un’analisi approfondita dei tweet in Italia ha dimostrato che il 28% dei cinguettii contiene un link, il che vuol dire che Twitter non è usato soltanto per rilanciare le notizie d’agenzia ma viene considerato uno strumento di discussione.

In Italia, una delle ultime statistiche, dimostra che dalle cinque del mattino fino alla sera, sono lasciati in rete circa 426 mila tweet. Le ore privilegiate per cinguettare sono gli intervalli tra le 12 e le 13 e tra le 18 e le 21, soprattutto il lunedì, il mercoledì, il venerdì e durante i programmi tv più popolari.