L’organizzazione della propria to-do list per certe persone, come me, è una cosa imprescindibile. Me ne rendo conto quando non la gestisco: il mio lavoro si incasina regolarmente. Ho dedicato ampio spazio a come ottimizzare la propria to-do list. Oggi vi propongo una regola speciale che sembra dare i propri frutti: quella del 1–3–5. Si tratta di una regola della cui esistenza non avevo mai sentito parlare prima di leggerla su The Daily News.

In cosa consiste è piuttosto semplice: ogni giorno puoi fare un grande lavoro, tre medi e cinque piccoli. Dunque dovresti organizzare la tua lista di cose da fare sulla base di questo equilibrio. Compilare una lista del genere non è semplice perché dipende anche dal tipo di lavoro che uno fa. Per questo un consiglio utile è quello di lasciare uno spazio vuoto nell’elenco delle cose che richiedono un impegno medio o basso (nell’ultimo caso potete fare anche un paio).

Un altro trucco per arrivare a fine giornata con la lista delle cose da fare completamente spuntata è iniziare bene. Dopo aver scelto la vostra app preferita fra le diverse app per la to-do list in circolazione concentratevi ogni sera e mattina sull’ordine delle cose da fare. Mettete in calendario al mattino le cose che avete meno voglia di fare e cercate di concludere un buon numero di cose in mattinata: riprendere il lavoro dopo pranzo vi parrà più semplice.

Credit per la foto: robandstephanielevy