L’ambiente in cui lavoriamo o trascorriamo il nostro tempo è fondamentale per la nostra produttività. A influenzare la nostra produttività oltre al numero di ore di sonno ogni notte, influiscono alcuni fattori quali la luce e la temperatura. Ho appreso dal blog di Buffer, uno dei miei preferiti per quel che riguarda la produttività, che ci sono tante variabili per quel che riguarda l’ambiente dove si lavora.

Il primo è la luce. Il confronto è tra luce naturale e luce artificiale, secondo un recente studio di Mirjam Muench le persone che sono state esposte maggiormente a luce naturale arrivano alla fine della serata sensibilmente più attente rispetto a chi è rimasto esposto per un tempo maggiore alla luce artificiale. La cosiddetta sonnolenza è dovuta alla diminuzione dei livelli di cortisolo, situazione che si verifica se si rimane esposti per un lungo periodo a luce artificiale o a luce fioca. Tutto ciò ci porterà ad essere più stanchi, stressate e faremo più fatica a equilibrare i nostri livelli di energia.

Altro e non meno importante elemento è la temperatura. Lavorare in un ambiente caldo aumenta la produttività. Secondo uno studio ad opera di Alan Hedge professore all’università di Cornell, studiando alcuni uffici in Florida ci si è resi conto che quando la temperatura era di 20 gradi, gli impiegati commettevano il 44% di errori in più rispetto agli impiegati che lavoravano ad una temperatura di 25 gradi. Una cosa parecchio strana anche perché in linea di massima si associa il caldo alla non produttività.

Insomma se lavorate in casa o in ufficio cercate di ottimizzare il loco: rendetelo il più caldo possibile e sfruttate al meglio la luce naturale. Inizierò a seguire questi accorgimenti per migliorare la mia produttività anche se questa risulta essere piuttosto buona, ma si sa, non si finisce mai di migliorare. Oltre al post sul sonno per la aumentare la produttività vi consiglio hackerare il corpo umano: trucchi e consigli per farlo funzionare al meglio di Silvio Gulizia hackerare il corpo umano: altri consigli per farlo funzionare al meglio.

photo credit: Who killed Gregory?? via photopin cc