La potenza di Google e delle altre aziende che come il gigante di Mountain View si occupano di tecnologia ed investono nel settore, è la capacità di far vedere agli utenti finali scenari nuovi e accattivanti. Google, in questo periodo, alimenta la fantasia dei suoi fan con la questione dei “comandi vocali”. Come tutti sapete, i dispositivi Android che sfruttano il sistema operativo della casa di Mountain View sono già dotati di un programma per il riconoscimento vocale che permette di dialogare, nel vero senso della parola, con il proprio smartphone.

Ma cos’è effettivamente uno smartphone? Sembra che siano partiti proprio da questa domanda. La risposta è semplice: un apparecchio per la comunicazione remota. Da qui la voglia di ampliare le performance dello strumento.

Google sta lavorando per trasformare i telefoni in telecomandi in grado di sintonizzare via rete il proprio apparecchio televisivo sul programma desiderato. Non più un rapporto diretto, quello con la televisione, gestito cliccando su un numero del telecomando puntato verso lo schermo.

In futuro, la Google TV si potrà gestire tramite smartphone e sfruttando la potenza del cloud. In pratica s’impartirà un comando vocale che sarà trasmesso dallo smartphone ai server per poi rimbalzare via rete nella TV che abbiamo davanti a noi.