Se non siete venuti al Codemotion oggi vi siete persi qualcosa di davvero interessante. Io ne sono riuscito a seguire solo una parte, nel senso che dalle nove di stamattina fino alle sette sono rimasto all’interno dell’evento, ma ho concentrato la mia attenzione sulla parallela dell’Innovazione. Il programma è ricco di eventi e qualche giorno fa vi avevo segnalato i migliori, ma non significa che gli altri non valga la pena seguirli.
Oggi ho bazzicato fra maker e startupper. Da un lato Augusto Coppola di InnovAction Lab ha presentato le startup vincitrici di Startup in Action. Dall’altro hacker e maker si sono stretti attorno ai banchetti di Arduino, Open Picus, Kentstrapper e via dicendo. L’amico Simone Cicero, che nelle scorse settimane ci aveva parlato del lato porno dell’innovazione in Italia e della rivoluzione dei gadget dovuta alla stampa 3D, è tornato sul tema con un affascinante talk in cui ha delineato l’incrocio di startup e maker nel futuro prossimo, con gli hobbisti destinati a sostituire i cinesi nella produzione materiali di oggetti il cui valore diventa esclusivamente digitale.
Ho intervistato Simone per Wired.it chiedendogli di approfondire alcuni temi. Ecco invece le slide del suo intervento.