Sarà l’effetto della crisi economica ma molte aziende alla fine dell’anno hanno pensato di trasferire molti servizi sui sistemi cloud, visto che ad offrire prodotti molto performanti ci sono già Microsoft e Google. Archiviare i dati in un computer virtuale e poter accedere ai documenti soltanto attraverso un browser web e una connessione internet, in qualunque momento e in qualunque posto. E’ questo il principio del cloud computing che, almento per com’è pensato in origine, potrebbe far risparmiare molto le aziende.

Il telelavoro o il lavoro in mobilità è fondamentale per ridurre i costi ma è reso possibile anche grazie allo sviluppo delle piattaforme di cloud computing che stanno avendo un discreto successo anche tra le imprese italiane. In Europa usano il cloud computing almeno quattro milioni di aziende, in Italia qualche centinaio di realtà ha fatto il primo passo verso Google Apps e verso gli altri servizi offerti dal gigante di Mountain View.

Nel Belpaese però Google non ha sbancato, visto che ha trovato un alter ego di tutto rispetto come Microsoft che ha pensato delle soluzioni molto interessanti per le aziede, per esempio Office 365 che comprende il servizio di gestione della posta elettronica, word, excel, power point e tanto altro ancora direttamente dal web.