Eccoci al secondo appuntamento con il glossario di Leonardo. La scorsa settimana abbiamo scoperto cosa significa SEO, e a cosa serve, oggi invece spostiamo la nostra attenzione su un’altra parola utilizzata molto spesso: cloud.

COSA SIGNIFICA E COME FUNZIONA

Cloud significa letteralmente nuvola, ma la sua traduzione letterale non basta. Il cloud computing è un sistema che permette agli utenti di non tenere sul proprio PC dati e programmi, spostandoli su internet, o meglio, in the cloud. Ma come funziona, concretamente, il cloud? Per prima cosa, un hosting service provider esperto crea e gestisce tutta l’architettura informatica della tua nuvola. Fatto ciò, l’utente dovrà solo accedere ai propri documenti e programmi via internet.

QUALI SONO I BENEFICI

I benefici del cloud sono diversi, dal più banale ma anche più grande, cioè poter accedere a file e programmi ovunque, alla sola condizione che ci sia una connessione internet, al risparmio nei passaggi di strumenti e documenti, per esempio, all’interno di un gruppo di lavoro. Un altro vantaggio del cloud è sul piano economico; si risparmia, infatti, su acquisto, installazione, manutenzione e dismissione di hardware e software. Non è inoltre necessario possedere computer di fascia alta per far girare le applicazioni cloud

SVANTAGGI

Non ci sono, però, solo vantaggi. Uno dei problemi del cloud è la sicurezza, che da un lato è tutelata perché non si rischia più di perdere i dati dal proprio PC, ma si rischiano danni provenienti da attacchi all’hosting, o da malfunzionamenti dell’hosting stesso. Si perde, inoltre, il pieno controllo dei propri dati, che vengono nonostante tutto sempre ‘gestiti’ da qualcun altro.

Cercando di tirare le somme, e dando anche uno sguardo alla ricerca HP Cloud, mi sento di dire senza dubbio che il cloud è il futuro. Semplifica enormemente i processi e li rende più semplici, anche se, essendo un servizio relativamente nuovo, c’è ancora da lavorare.

Nelle prossime settimane affronteremo altri termini, che potete suggerirci utilizzando Scrivi a Leo.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter

photo credit: mansikka via photopin cc