Ritoccare e foto ritoccare senza avere la licenza d’uso, pagata a suon di dollari (o euro), dei prodotti della Adobe. Questo è uno scenario che in futuro potrebbe realizzarsi grazie allo sviluppo del Cloud computing ad opera dell’azienda madre di Photoshop & Company.L’obiettivo ambizioso della Adobe è quello di mettere a disposizione degli utenti, su internet, come dei servizi, alcuni programmi che l’azienda ha prodotto negli anni per ottimizzare la gestione dei contenuti digitali.

Il tutto attraverso la piattaforma Creative Cloud. Il bello è che oltre a coloro che vogliono usare i prodotti Adobe su PC, possono giovarsi del servizio anche gli utenti mobili . Tutto gratuito? Ovviamente no, non si tratta certo di filantropia!

Il pagamento però è rateizzato, nel senso per l’uso della Creative Cloud è richiesto il pagamento di un abbonamento che si sostanzia in una decina di dollari da pagare ogni mese.

L’annuncio di questa rivoluzione  è avvenuto in occasione del MAX 2011, una conferenza che si è tenuta a Los Angeles ed ha dedicato molto spazio alle Touch Apps. Queste si rivolgono ai creativi che devono pensare al futuro in cui la connettività sarà gestita tramite tablet.