Chi non ha un servizio per la gestione della corrispondenza elettronica sul proprio computer, di solito si affida a servizi online che consentono l’archiviazione dei messaggi, ma fino a che punto? Qualche volta è necessario fare pulizia. I collezionisti, quelli cioè che non cancellano un’email ricevuta nemmeno sotto tortura, benché sia l’ennesimo dei messaggi inutili inviatigli, farà difficoltà a seguire il discorso. Purtroppo però capita di dover liberare un po’ di spazio nella propria posta elettronica per continuare ad usare certi servizi.

In genere si consiglia sempre di configurare un client a casa, anche gratuito come Thunderbird per archiviare tutti i messaggi passati. Nel caso in cui questa sia un’operazione complessa, allora il consiglio è di far un po’ di pulizia. Come?

Partendo proprio dai messaggi più pesanti e da quelli già messi nel cestino. Quindi, svuotate tutto quello che avete già etichettato come trash, quindi procedete alla ricerca dei messaggi che contengono allegati, magari biglietti di auguri e quant’altro.

Alla fine vedrete che si è già creato un discreto spazio. Poi potete scegliere di passare all’individuazione e all‘eliminazione delle newsletter con offerte last minute. Possono essere molto belle graficamente, ma a distanza di tempo l’offerta sarà quanto meno scaduta.

Con questi pochi passi potete toccare con mano la leggerezza acquisita dal client.