Google Chrome è uno tra i web browser più apprezzati da parte del grande pubblico. La versione dedicata a Mac OS X, tuttavia, è stata spesso criticata per gli elevati consumi e le prestazioni, inferiori al browser integrato Safari, sviluppato da Apple. Gli ingegneri di Mountain View, dopo aver ricevuto tante critiche e lamentele da parte degli utenti, sono al lavoro per risolvere buona parte delle problematiche e Google ha già annunciato una serie completa di miglioramenti.

Chrome su Mac OS X è utilizzato da buona parte degli utenti che possiedono un PC desktop o portatile della mela, anche se la percentuale risulta essere inferiore rispetto agli utenti Windows. Le principali problematiche, infatti, sono prestazioni inferiori e l’utilizzo intensivo del processore che, di conseguenza, comporta consumi di energia eccessivi sui notebook scollegati dall’alimentatore e alimentati da batteria.

Google Chrome, nelle prossime settimane, migliorerà notevolmente grazie a una vasta gamma di ottimizzazioni e riduzione dei consumi energetici in linea con quelli della versione di Safari. Le novità in arrivo su Chrome sono state comunicate da Peter Kasting, ingegnere software senior di Google all’interno un post pubblicato sul social network Google+. Tra le tante modifiche vi sono una miglior gestione del rendering degli elementi delle pagine e una riduzione, fino al 50%, dei tempi di attesa per il caricamento di una pagina. Anche per quanto riguarda l’utilizzo del processore e le chiamate vi sono stati notevoli miglioramenti, che sembrano portare Google Chrome sempre più vicino a Safari.

Per il momento, quindi, gli utenti Mac dovranno pazientare ancora qualche settimana prima di poter aggiornare la versione di Google Chrome. Infatti, Peter Kasting ha sottolineato che la maggior parte dei miglioramenti verranno integrati, in un primo tempo, in Chromium, la versione del browser per programmatori, e solamente in un secondo momento raggiungeranno Google Chrome.