Google ha rilasciato giovedì una nuova estensione del browser che consente d’aprire e leggere i file di Microsoft Office: disponibile per Chrome, ufficialmente in esclusiva su Windows e Mac OS X, funziona alla perfezione con Linux. Poiché Chrome Office Viewer recupera una feature di Chrome OS, basato proprio su Linux, ho provato a installare l’estensione da Ubuntu. Nonostante le note di rilascio, che escluderebbero il sistema operativo, sono riuscito ad accedere ai documenti senza problemi. Spiego subito perché io la consiglio.

Non sono un estimatore di Office e apprezzo il supporto ai formati “aperti” che Microsoft ha garantito negli ultimi tempi, ma devo scontrarmi quotidianamente con la realtà: per quanto esistano delle alternative all’altezza, gli uffici continuano a prediligere i documenti della suite proprietaria e devo rassegnarmi a riceverli. L’importazione dei file nei programmi open source non è perfetta, specie quando sono impiegate delle macro e Chrome Office Viewer protegge dai malware che potrebbero essere stati inseriti in queste ultime.

L’estensione, infatti, utilizza la sandbox di Chrome che impedisce ai malware d’intaccare il sistema operativo: è una soluzione particolarmente utile su Windows e Mac OS X, più esposti alle vulnerabilità. Chrome Office Viewer supporta .doc, .docx, .ppt, .pptx, .xls e .xslx che possono essere importati in Google Drive per effettuare delle modifiche. Se non volete correre dei rischi, insomma, potete ricorrere al browser che garantisce una maggiore tutela. Per fare un favore a voi stessi, dovreste proprio diffondere altri formati.