Google Chrome è uno dei browser più utilizzati al mondo e la versione Beta, per Android, introduce importanti novità sperimentali. Google, infatti, ha rilasciato la versione 40 di Chrome Beta e quest’ultima versione porta qualche ritocco estetico ma la maggior parte delle novità riguarda l’introduzione di funzioni nascoste e che non sappiamo se debutteranno o meno nella futura release.

Il team di sviluppo di Chrome ha lavorato a lungo nell’ottimizzare il più famoso e utilizzato browser al mondo, soprattutto su piattaforme iOS e Android. Prova del fatto che, con gli ultimi aggiornamenti, vi sono stati significativi miglioramenti sono i numeri di adozione del browser di BigG su piattaforma mobile. Chrome, infatti, risulta essere il più utilizzato browser su smartphone e tablet, ma anche su desktop.

La versione 40 di Chrome Beta rialloca i tre puntini del menu delle opzioni all’interno della barra degli indirizzi. Questo cambiamento è disponibile sui dispositivi che hanno attiva la funzione che mostra ogni tab come app separata. Un’altro cambiamento, sul fronte estestico, è il testo che appare nel popup di chiusura delle schede che è passato da dorato a bianco.

Andando a scoprire in dettaglio le nuove funzioni sperimentali, la Chrome Beta 40 introduce la possibilità di attivare la generazione delle password e i segnalibri avanzati. Le funzioni sono accessibili a partire dalla classica url chrome://flags. Per quanto riguarda la generazione delle password, questo servizio viene offerto da Google che creerà, automaticamente, una password in presenza di un form di registrazione. Cliccando, invece, su Attiva segnalibri avanzati, verrò visualizzata una nuova interfaccia grafica per la gestione dei segnalibri.

Se siete interessati ad installare la versione 40 di Google Chrome Beta, sul vostro dispositivo, vi ricordiamo che il rollout è appena iniziato e l’aggiornamento non potrebbe essere disponibile per tutti tramite Play Store. Per anticipare il download di quest’ultima versione di Chrome Beta potete scaricare l’APK a partire da questo link.

photo credit: Rodrigo Ghedin via photopin cc