Nelle ultime ore, Google ha rilasciato la versione 56 del suo pregiato browser Chrome sia per computer Windows che Mac e Linux. A seguire, Big G ha fatto il punto della situazione dello sviluppo del suo browser snocciolando alcuni dati molto interessanti. Google, infatti, ha evidenziato come in poco tempo si siano fatti dei grossi passi in avanti in termini di prestazioni. Il riferimento è con la versione 54 del browser rilasciata non troppo tempo fa. Miglioramenti che si sono avuti non solo sulla versione desktop del browser ma anche soprattutto sulla declinazione mobile. Chrome utilizza un sistema di convalida per rendere più rapida la navigazione.

Quando un utente digita un indirizzo, parte una richiesta verso i server per verificare se i dati di cache siano ancora utilizzabili. Questo processo si chiama convalida. Dalla release 54 all’attuale 56, la convalida è stata ridotta del 60% e le pagine web si aprono mediamente il 28% più rapidamente. In poco tempo, dunque, è stato fatto un lavoro di ottimizzazione notevole. Per raggiungere questo risultato, Chrome utilizza un sistema di convalida diverso che va convalidare sola la parte principale della pagina lasciando che il resto si ricarichi.

In questo modo si ottimizza la navigazione e contestualmente si riducono anche i consumi in termini di risorse e di energia. In poco tempo, dunque, non solo Chrome è riuscito a migliorare sensibilmente la velocità di navigazione ma ha anche ridotto i consumi che erano sempre stato un tallone d’achille di questo software.