Google ha iniziato il rilascio di Chrome 55 per Windows, Mac e Linux. Trattasi di una nuova release che può definirsi quasi “storica” perchè Big G ha deciso di abbandonare Flash mettendo di default la compatibilità con lo standard HTML5. In realtà, il supporto alla tecnologia di Adobe è ancora presente. Tuttavia, entrando in un sito in cui è presente Flash, Chrome chiederà all’utente se intende abilitarne il supporto oppure no. L’intento è chiaro ed è quello di informare gli utenti che Flash in futuro sarà abbandonato del tutto e contestualmente di stimolare gli sviluppatori a modificare i loro siti affinché siano adattati al nuovo e più efficiente standard. Per praticità, in Chrome 55, alcuni dei maggiori portali come YouTube.com, Facebook.com, Yahoo.com, VK.com, Live.com, Yandex.ru, OK.ru, Twitch.tv, Amazon.com e Mail.ru non mostreranno alcun avviso all’utente. Trattasi di una piccola eccezione fatta semplicemente per non annoiare l’utente che rischierebbe di ricevere decine di avvisi al giorno visto l’alto tasso di utilizzo di questi portali.

L’utilizzo dell’HTML5 rispetto al Flash porta diversi vantaggi. Innanzitutto, i siti risulterebbero molto più leggeri e meno stressanti dal punto di vista dell’occupazione delle risorse di sistema. Flash è noto per essere particolarmente energivoro. Siti in HTML5 potranno essere gestiti meglio anche dai computer meno potenti e contestualmente consumeranno meno CPU a tutto vantaggio anche dell’autonomia operativa dei portatili. Inoltre, i siti in HTML5 risulteranno più sicuri. Flash, infatti, è una tecnologia poco sicura ed ogni mese sono molteplici le patch di sicurezza che vengono rilasciate per colmare questa problematica.

Oltre a mettere da parte il supporto diretto a Flash, Chrome 55 porta con se molti bug fix e miglioramenti delle prestazioni. Il codice è stato ottimizzato ed è stato introdotto il supporto al CSS Automatic Hyphenation che permette di impaginare meglio le pagine mandando a capo correttamente il testo.

Chrome 55 può essere scaricato dal sito di Google. Chi utilizzasse già una versione precedente del browser potrà aggiornalo recandosi direttamente all’interno delle sue impostazioni.