Da oggi le chiamate con Whatsapp sono disponibili per tutti gli utenti Android. Inizia dunque una nuova era per il VoIP, un settore sostanzialmente dominato da Skype e che forse per la prima volta può trovare in WhatsApp un vero forte competitors. WhatsApp può, infatti, fare leva sul suo grande bacino di utenti che potrebbero decidere di rimanere fedeli a questa piattaforma anche per le chiamate, mettendo contestualmente da parte Skype. Uno scenario molto interessante che potrebbe realizzarsi soprattutto quanto le chiamate con WhatsApp saranno disponibili anche per gli utenti iOS e Windows Phone. Al riguardo, durante la conferenza F8 di Facebook, Brian Action, co-fondatore della società ha confermato che le chiamate WhatsApp su iOS arriveranno nel corso delle prossime settimane.

L’app messaggistica istantanea va dunque ad evolversi trasformandosi in un prodotto completo in grado di offrire una piattaforma di comunicazione completa che consente di mettere in comunicazione milioni di persone in tutto il mondo.

Chiamate WhatsApp: come attivarle

Innanzitutto, è necessario disporre di uno smartphone Android. Per poter disporre della funzionalità di chiamata è necessario disporre della release 2.12.19 dell’applicazione. Il file APK dell’app può essere tranquillamente scaricato dalla pagina ufficiale del servizio ed installato direttamente su tutti gli smartphone Android. Nessuna configurazione particolare è richiesta per l’attivazione della funzionalità delle chiamate. Semplicemente, una volta aperta l’app, gli utenti noteranno che accanto alle già note schede dei contatti e delle chat fa la sua comparsa la nuova scheda “chiamate”. Da questa nuova sezione gli utenti saranno in grado di visualizzare la cronologia delle chiamate effettuate e ricevute proprio come all’interno del normale dialer telefonico di Android.

Per chiamare un contatto, gli utenti WhatsApp non dovranno fare altro che cliccare sul pulsante a forma di cornetta e selezionare il numero della persona da chiamare.

Chiamate WhatsApp: costi, consumi e qualità

Le chiamate con WhatsApp non prevedono costi extra rispetto all’abbonamento base della piattaforma di comunicazione. Tutte le chiamate ai contatti di WhatsApp saranno dunque del tutto gratuite. Trattandosi di chiamate VoIP è necessario utilizzare una connessione internet per comunicare. Nessun problema per tutti coloro che possono disporre di una rete WiFi, mentre per chiamare in mobilità, gli utenti devono disporre di un pacchetto dati sufficiente a coprire il traffico generato dalle chiamate.

Fortunatamente le chiamate con WhatsApp non consumato molto traffico internet. Un minuto di chiamata genera circa 540 KB. Questo significa che ogni 10 minuti l’app andrà ad erodere 5,4 MB di traffico dati. Anche se i pacchetti internet degli operatori italiani non spiccano per abbondanza, sono comunque più che sufficienti per poter gestire svariate ore di conversazione. Ovviamente, gli utenti dovranno sapere bilanciare i consumi del servizio chiamate con WhatsApp con il normale uso di internet in mobilità per navigare e per visionare contenuti in streaming attraverso lo smartphone.

Le chiamate con WhatsApp sono ancora poco di più che ad una fase beta e questo appare evidente quando si effettua una chiamata. La qualità di conversazione non è infatti ancora ottimale come, per esempio, su Skype. Soprattutto attraverso la rete mobile le chiamate presentano un leggero lag che in alcuni casi può risultare fastidioso. Molto meglio, invece, le chiamate sotto rete WiFi. Nulla, comunque, che WhatsApp non possono risolvere nel tempo con l’affinamento del servizio di chiamate.