Skype Translator è un nuovo, ambizioso, progetto di Microsoft per abbattere le barriere linguistiche nelle chiamate internazionali: un traduttore universale simultaneo – ispirato a quello di Star Trek – per il quale è intervenuto Satya Nadella. La presentazione dell’esperimento s’è tenuta a Rancho Palos Verdes, in California, alla prima Code Conference di re/code. La demo ha illustrato gli effetti della traduzione dall’inglese al tedesco e viceversa, mostrando le potenzialità dello strumento. Faremo a meno d’imparare le lingue?

Skype ha trecento milioni d’utenti e gestisce due miliardi di minuti di conversazioni ogni giorno: numeri che, grazie a questo traduttore, potrebbero aumentare esponenzialmente. La tecnologia concepita dagli sviluppatori di Microsoft Translator è quasi pronta e sarà disponibile come beta per Windows 8.1 [vedi gallery] entro la fine dell’anno. Non è chiaro a che punto sia il lavoro su altre lingue, diverse dall’inglese, ma l’esperimento è promettente. Molto strano che non sia stato scelto Windows Phone 8.1 come prima piattaforma!

La ricerca che ha portato alla creazione di Skype Translator dipende da Lync, il programma per la messaggistica istantanea aziendale che Microsoft supporta su Kinect for Windows. Non è, perciò, uno strumento proposto ai consumatori — ma ai professionisti: una tecnologia che permetterebbe a piccole e medie imprese d’esportare i propri prodotti e servizi in Cina o Russia, che ad oggi sono i mercati da conquistare. Ecco perché sul lungo periodo potrebbe essere un aiuto tanto importante sulle chiamate e nei rapporti internazionali.