Twitter è una piattaforma di microblogging che in queste ultime settimane sta sollevando un bel po’ di polemiche. Dalla dichiarazione del giornalista Michele Serra, fino alla proposta dei profili da seguire e di quelli da dimenticare. Appena Twitter ha iniziato, anche in Italia, ad essere usato da un buon numero di persone, anche politici e personaggi del mondo dello spettacolo, hanno fiutato l’affare: sul web ci si può promuovere e anche bene cercando di accalappiare il maggior numero di follower cui proporre il nostro micropensiero.

Alcuni politici hanno sfruttato Twitter come un feed del proprio sito web, altri pensano soltanto di usarlo per proporre qualche link rubato nei media. Sono pochi quelli che effettivamente vale la pena di tenere d’occhio perché originali e stimolanti.

Wired.it ha pensato di selezionare 50 profili Twitter e di consigliarli ai suoi utenti. L’articolo completo è disponibile a questo link, ma vi segnaliamo anche noi  tra questi 50 i primi 3 suggerimenti che ci sembrano più interessanti.

Andrea Sarubbi che è un parlamentare del PD che ha colpito con il suo hashtag #opencamera con cui consente a tutti di seguire i lavori del parlamento.

Beppe Servegnini che ha sempre qualcosa di originale da comunicare con ironia e precisione. Non a caso ha superato già i 119 mila follower.

Spinoza che ha già un sito ma se volete ridere con le pillole al vetriolo di questa realtà, Twitter vi aiuta.