L’Italia non è il paese con il più ampio numero di cellulari procapite. Una recente ricerca svela che il Belpaese è soltanto al diciannovesimo posto tra gli stati in cui i cittadini sono ormai “drogati” di telefonia mobile. L’Italia è uno dei paesi non solo più industrializzati d’Europa ma anche più popolato da cittadini che amano le comunicazioni mobili. In effetti, dalla diffusione massiccia dei cellulari prima e degli smartphone poi, non è trascorso molto tempo ma gli italiani non si sono fatti cogliere impreparati dall’evoluzione.

Una recente ricerca di Slate, su scala mondiale, racconta con un grafico interattivo che l’Italia è soltanto al 19esimo posto tra i paesi con la concentrazione più alta di telefonini. Si parla di 149 dispositivi ogni 100 abitanti.

Ma prima dello Stivale ci sono paesi come Finlandia, Maldive, Lituania, Russia o Libia in cui la percentuale di penetrazione dei telefonini è ancora maggiore. A guidare questa classifica, poi, ci sarebbe lo stato di Macao.

Si evidenzia in più il comportamento in controtendenza dei cittadini di Olanda, Irlanda e Turchia che invece abbandonano sempre di più i cellulari.

Lo studio Slate indaga anche sul rapporto tra telefoni cellulari
per rete fissa sul territorio
. In questo caso di nota come in Africa e in particolare nella Repubblica del Congo, ci sono 281 cellulari per ogni numero di rete fissa.