Martedì ha aperto il CeBIT 2013, l’annuale fiera della tecnologia di Hannover. La manifestazione ha perso molta dell’importanza che aveva in passato perché le grandi aziende preferiscono partecipare ad altri eventi od organizzarli da sé, ma le novità non mancano. COOKOO è uno smartwatch davvero particolare: è simile a Pebble, il gadget che ha avuto successo su Kickstarter, però mantiene tutte le caratteristiche degli orologi più tradizionali e ha un prezzo contenuto. Bastano soltanto 99,73€ per acquistarlo dalla vicina Francia.

COOKOO è un semplice orologio analogico con movimento al quarzo, funziona installando le classiche batterie a bottone (non dev’essere ricaricato) e resiste all’acqua. Guardandolo, sembra giusto uno “scuba”. Pebble, invece, monta uno schermo e-paper paragonabile a quello del nuovo prototipo presentato da E Ink. Tuttavia, quando iOS o Android inviano una notifica via Bluetooth 4.0 allo smartwatch, COOKOO vibra e segnala l’evento sul quadrante: allontanandosi da tablet o smartphone, avvisa del possibile smarrimento del dispositivo.

Sono ancora scettico sull’effettiva utilità degli smartwatch perché penso che possedere troppi dispositivi generi un problema di information overload: un sovraccarico di informazioni che rischia d’annullarne l’efficacia. COOKOO, però, non installa applicazioni dedicate che lo trasformano in un tablet oppure uno smartphone in miniatura. Le funzionalità sono limitate, per così dire, alla notifica degli eventi trasmessi da iOS o Android. Secondo me, quello che potrebbe apparire come un limite è un vantaggio in termini d’usabilità.