Da buon patito di iPhoneografia e di Instagram spesso partecipo agli Instameet. Durante gli Instameet si cammina molto ma soprattutto si scatta molto… e in men che non si dica  si esaurisce la carica della batteria dello smartphone (soprattutto se siete possessori un iPhone 5 come il sottoscritto). A me per esempio non basta già più, per portare a casa la giornata, la carica che è in grado di darmi il mio caricatore supplementare esterno da 1.8Ah della Duracell. Gli organizzatori degli Instameet allora si scervellano per inserire nel percorso stabilito per l’Instawalk un buon numero di tappe presso bar e ristoranti al fine di rifocillare lo stomaco ma anche, soprattutto, ricaricare gli smartphone.

Allora capitano scene come quella della corsa ai posti a sedere sul Savoia-Marchetti nel film Pappa e Ciccia interpretato da Paolo Villaggio… solo che i posti da occupare in questo caso sono quelli delle prese di corrente sempre troppo poche e dislocate nei posti più disparati (io nell’ultimo Instameet a Venezia ho trovato alimentazione nella cucina di un ristorante).

Data quindi la crescente presenza di smartphone sempre più prestanti le cui batterie durano sempre meno, una bella soluzione che potrebbero adottare bar e ristoranti per attirare la clientela è quella di installare per ogni tavolino il dispositivo che ho scoperto durante lo SotN 2013: si chiama CharLi Charger ed è un caricatore da tavolo progettato e prodotto in Italia.

CharLi è in grado di ricaricare cellulari, macchine fotografiche digitali, smartphone ed altri dispositivi portatili. È dotato di 6 uscite indipendenti da 5.25V (500mA di massimo erogazione) e ogni uscita è protetta elettronicamente da cortocircuito o sovraccarico. Ogni presa poi è dotata di un terminale diverso (e retrattile) per adattarsi a diversi tipi di device. La batteria interna di CharLi è da 4.5 Ah; dato che l’iPhone 5 si ricarica completamente in circa un’ora assorbendo 500mA, CharLi è in grado di caricare questo device per circa nove volte. Non male direi. CharLi si ricarica a sua volta completamente in circa otto ore. Un esercizio commerciale quindi può ripristinare la carica dei propri caricatori tranquillamente in una notte.

Sono curioso di vedere quanto la crisi economica sia in grado di risvegliare istinti concorrenziali capaci di far scoprire in CharLi un ottimo sistema per attirare clienti.