C’era una volta Angry Birds,un gioco sulla bocca di tutti. Utilizzato da milioni di giocatori in tutto il mondo ha creato un vero e proprio fenomeno e, senza esagerare, ha dato via alla mania dei giochi per smartphone.

Ora tocca a Candy Crush, il nuovo gioco del momento che ha insegnato a tutti gli altri giochi del reparto smartphone come si fa. In sé non è un gran gioco ma ha una viralità e un enorme numero di giocatori.

Di base Candy Crush è un puzzle game molto semplice composto da 275 round dove lo scopo è quello di creare file di caramelle per abbattere le varie linee e creare delle combinazioni ben precise. Qualora fallissimo l’obbiettivo, avremo bisogno di una nuova vita che potremo ottenere solamente invitando nuovi amici. Essendo il gioco, disponibile su Facebook oltre che  su smartphone e tablet, le vite guadagnate sono parecchie e i giocatori aumentano esponenzialmente.

Candy Crush ha ottenuto un successo di dimensioni inimmaginabili, il suo segreto è essere additivo, un po’ come Dots: semplice, colorato e facile da giocare con in più, spinto al massimo, l’aspetto social.

Angry Birds ha perso la scena, se prima in metro si vedevano persone che erano intente ad abbattere costruzioni con uccellini colorati e molto incazzati, ora sono intenti ad allineare caramelle e ad elemosinare vite dagli amici. La moda passa sì, vediamo se nei prossimi anni i due titoli saranno ancora così popolari e sopratutto quale dei due avrà avuto la meglio nel lungo termine.