Molto spesso la scelta del browser per la navigazione in Internet è dettata dalla scelta di base del sistema operativo. Altre volte, pur avendo un sistema operativo come Windows, si opta per la navigazione open source con Firefox o Chrome.

Negli aggiornamenti disponibili su Linux o automatici in Windows, c’è sempre in elenco una novità che riguarda il browser per la navigazione. In effetti, questo software è uno dei più “aggiornati”, oltre che dei più usati. Chi apre un computer, infatti, difficilmente non naviga in rete. Per questo è bene che abbia sempre un’ultima versione.

Per quanto riguarda Internet Explorer, gli sviluppatori sono arrivati alla versione 9. In cantiere c’è già la versione a due cifre ma per il momento il popolare browser raccoglie i complimenti della comunità scientifica, in virtù della sua attenzione alla tutela della privacy e della capacità di opporsi a più del 90 per cento dei malware in circolazione.

Firefox, invece,  ha proposto ai suoi utenti una versione provvisoria nominata Aurora e una versione beta del software, per poi lanciare in rete, la versione definitiva di Firefox 5. Questa versione è interessante per il layout rinnovato dei menu ausiliari e per il miglioramento dei segnalibri e delle funzioni di ricerca.

Corre già verso la versione 12 il browser di Google, Chrome che ogni due settimane lancia un aggiornamento per fare in modo che gli utenti si abituino gradualmente a poche novità per volta. Tra le novità dell’ultima versione i flash-cookie e la navigazione anonima. In cantiere la memorizzazione di più profili utente per la navigazione.