BlackBerry ha fatto sapere che, nel corso dell’anno, verrà rilasciato un successore di BlackBerry Priv, lo smartphone della società canadese che non funziona con il sistema operativo proprietario ma con Android. Arriverà dunque un secondo smartphone della Mora basato su Android.

La scelta non andrà però ad intaccare il percorso commerciale di BlackBerry OS 10, che resterà comunque attivo e supportato, ma non sembra che il futuro sia particolarmente roseo. Ecco allora perché la Mora punterà forte sul robottino vere per risollevare le sorti aziendali, soprattutto nel settore business, dove la domanda di device Android è alta per questioni di privacy e sicurezza.

Sul fronte BlackBerry OS 10, il boss della società canadese ha dichiarato che la piattaforma non verrà lasciata al suo destino ma nei prossimi mesi riceverà importanti update: le versioni 10.3.3 e 10.3.4, le quali introdurranno la certificazione NIAP e altre migliorie per la sicurezza che renderanno il prodotto appetibile alle agenzie governative.

Piani per un nuovo device con sistema operativo proprietario non sono però all’orizzonte, mentre sembra ormai quasi sicura la programmazione di un nuovo modello Android, con nome in codice Vienna, che avrà – proprio come Priv – una tastiera fisica (non a scomparsa). Lo stesso Damian Tay, senior director di BlackBerry per il sud-est asiatico, ha cancellato ogni riserva su quelli che sono i piani della società per il futuro dei device con BlackBerry OS 10, dichiarando: “Il futuro è Android”.