BlackBerry, che in borsa dà segni di ripresa, ha pensato d’introdurre sul mercato uno smartphone diverso dal solito: Passport è un dispositivo quadrato – non rettangolare come gli altri device – che debutterà a Londra, in un evento dedicato, nel mese di settembre. Perché dargli questa forma insolita? La giustificazione è in uno studio accademico sulla lettura che idealmente richiederebbe la visualizzazione di sessantasei caratteri per ogni riga. Il nuovo prodotto è capace di mostrarne sessanta contro i quaranta dei concorrenti.

Le caratteristiche di Passport sono molto interessanti: 4.5″ alla risoluzione Full HD di 1.440×1.440 pixel che garantiscono la stessa superficie di lettura dei device da cinque pollici. Dopo il lancio di BlackBerry 10 [vedi gallery] potrebbe essere l’idea migliore dell’azienda negli ultimi anni perché il target è diverso da quello di iPhone e Android. Questo smartphone, come tutti gli altri proposti dalla società, è orientato al business e promette di facilitare l’accesso alle informazioni sulla produttività in campi differenti.

Passport non avrà la tastiera fisica, ma una QWERTY virtuale che – proprio grazie alla forma quadrata – non arriverà a coprire un terzo dello schermo. Una soluzione che aumenta la superficie leggibile dello smartphone quasi fosse un foglio digitale: un ostacolo sul web potrebbe essere l’orientamento dei contenuti, perché BlackBerry ha abbattuto i limiti fra modalità portrait e landscape soggette alle variazioni dei design responsivi. Gli sviluppatori sono pronti a questo form factor? Una sfida che personalmente vorrei cogliere.