Il famoso detto “le dimensioni contano”, in ambito mobile è sempre attuale! Lo spunto di Silvio sull’iPhone 5S con un ipotetico schermo da cinque pollici, previsto per luglio, scatena una discussione nella community su quale sia il polliciaggio più performante per uno smartphone. Definito nell’articolo come una superficie inutilizzabile per via delle eccessive dimensioni, il concetto fondamentale è che ognuno acquista prodotti che vadano incontro alle proprie esigenze… Il settore mobile è però talmente veloce che le esigenze e soprattutto le abitudini sono in costante mutazione, così come i device stessi.

Si passa poi a un tema sempre molto caldo per il settore, ovvero la mobile photography. Donato ci racconta la sua esperienza con il nuovo arrivato Samsung Galaxy Camera, un dispositivo che non ha concorrenti e che ha creato un vero e proprio nuovo settore, quello delle compatte digitali smart. I plus evidenziati sono uno schermo di altissimo livello, tutte le app Android e ovviamente un comparto fotografico eccellente che potrebbe mandare definitivamente in pensione le compatte digitali stand alone. Siamo curiosi di capire se Samsung ha inaugurato un nuovo mondo oppure se si tratta di un semplice esperimento! [Nel frattempo, l'Androidography cresce come già accaduto all'iPhoneography, ndr]

Ultimo, ma non meno importante è il lancio di mercoledì del nuovo BlackBerry 10, evento che non ha solo mostrato a tutto il settore due nuovi device con il nuovissimo OS made in Canada, ma che ha anche mandato definitivamente in pensione il marchio RIM; d’ora in poi si parlerà solo di BlackBerry. C’è molta curiosità attorno a questo lancio e numerosi Mobilovers sperano di poterlo provare presto, anche se i tre gradini del podio per ora occupati da iOS, Android e Windows Phone sembrano ancora lontani. I prossimi mesi saranno decisivi per capire il futuro dell’azienda canadese, a cui bisogna comunque riconoscere il merito di voler provare a correre da sola nel sempre più competitivo panorama mobile.

Iscrivetevi a Mobilovers e seguite Carlo Bermani su Google Plus.