Si avvicina il Black Friday, una usanza tipicamente statunitense che però da qualche anno si è diffusa anche in Italia. Letteralmente “Venerdì Nero”, è la data in cui è possibile acquistare anche con il 60% di sconto alcuni prodotti, soprattutto online. Come è facile immaginare, i criminali informatici sono in agguato per approfittare di questa opportunità, motivo per cui RSA, la divisione dedicata alla sicurezza informatica di Dell Technologies, ha reso noto un elenco di cybercrime trend che possono crescere in questo periodo di shopping.

Durante questo periodo di shopping frenetico, infatti, aumentano le attività nel cosiddetto “undergroud market” delle carte di credito; aumenta la produzione di carte di credito contraffatte; si incrementa l’attività di ransomware, SEO poisoning e malvertising e i criminali informatici attaccano siti e-commerce per inviare ransomware ai loro acquirenti; cresce il numero delle frodi cosiddette CNP, card not present fraud, ovvero violazioni che avvengono in contesti dove non si utilizza fisicamente la carta di credito (transazioni online, via telefono, o email); aumentano le truffe grazie al phishing cioè furti di identità per raccogliere informazioni e dunque richiedere una nuova carta di credito; aumento delle truffe dovute alla non corretta implementazione di chip EMV (EuroPay, MasterCard Visa), lo standard globalmente riconosciuto per l’utilizzo di smart payment, dal momento che questa vulnerabilità può essere sfruttata dai criminali informatici.

Durante tutto questo periodo, dunque, il suggerimento è quello di prestare sempre molta attenzione e di comprare attraverso siti conosciuti ed affidabili, facendosi affiancare da un buon antivirus sempre aggiornato e diffidando delle offerte troppo inverosimili.