Il plugin di BitTorrent Live – un servizio per lo streaming dei contenuti multimediali sul browser – che m’aveva lasciato perplesso è stato un fallimento e, di conseguenza, è stato ritirato prima del termine della beta. Nonostante il pessimo risultato dell’esperimento, il progetto continua in una nuova direzione: sarà distribuita una app per guardare film e serie televisive sul tuo smartphone. Non è proprio una soluzione idilliaca, ma ad oggi può avere un senso e sicuramente più del plugin che è stato distribuito in precedenza.

Secondo me, il futuro dello streaming è in HTML5 e JavaScript: BitTorrent Live sarebbe potuto essere implementato usando quei linguaggi, anziché come un plugin, e avrebbe avuto più chance. Non penso che sarebbe diventato un punto di riferimento nel giro di qualche mese, però avrebbe offerto un’anteprima credibile di quanto fra un paio d’anni potrebbe diventare un’abitudine. Con queste premesse, invece, non capisco perché tu debba affidarti a una app di BitTorrent Live quando puoi già noleggiare tutti i contenuti dai vari market.

Lo dicevo parlando di come seguire Sochi 2014 in streaming: i plugin sono un’inutile perdita di tempo e non tutti i sistemi operativi li supportano. L’alternativa esiste, quindi perché non approfittarne? Sono tendenzialmente contrario al DRM, però le EME (Encrypted Media Extension) proposte dal W3C dovrebbero convincere i broadcaster ad adottare HTML5 e JavaScript. Muoversi in quella direzione sarebbe stato vincente, sul lungo periodo, per una piattaforma – come BitTorrent Live – che al momento non ha ancora utilizzato nessuno.

Photo Credit: Roland Tanglao via Photo Pin (CC)