Dopo una iniziale fase di prova, BitTorrent Bleep viene oggi rilasciato in versione definitiva per le piattaforme Windows, Mac, iOS e Android. Si tratta di una piattaforma di messaggistica istantanea effimera, che non chiede nessun tipo di credenziali all’utente, anche se sarà comunque possibile inserire email, numero di telefono e nome utente. Altro aspetto importante – soprattutto in termini di sicurezza – è il fatto che le comunicazioni non vengono gestite da un server centralizzato o da cloud ma attraverso la tecnologia P2P.

Il servizio è nato inizialmente lo scorso luglio come software, in versione alpha, per Windows con il nome BitTorrent Chat. A settembre l’alpha è diventata pubblica e disponibile anche in versione OS X e Android e oggi, per la prima volta, sbarca in versione definitiva pure su iOS. Bleep è un servizio di messaggistica “effimera” grazie ai whispers – sussurri – ovvero dei messaggi che possono essere letti entro 25 secondi dalla consegna e che poi si “autodistruggono”. Quando si chatta, il nome dell’interlocutore non è visibile di default ma questo può essere mostrato premendo sull’icona a forma di occhio. Una volta fatto ciò, però, il sistema oscura tutto il resto della conversazione, in modo che risulti impossibile associare i messaggi all’utente oppure catturare uno screenshot. L’anonimato sembrerebbe dunque garantito al 100%.

Di servizi simili a Bleep ce ne sono già, come SnapChat Telegram o Slinghost di Facebook, Line, ma Bleep offre un livello di tutela della privacy ancora superiore. In caso foste interessati al download, Bleep può essere scaricato gratuitamente dal sito ufficiale per tutte le piattaforme compatibili: iOS, Android, Windows e Mac.