Probabilmente avete già sentito parlare di Bitstrips, ma avete pensato che sia una stupidaggine. E invece è forse la cosa più rivoluzionaria che abbiamo visto in ambito social network negli ultimi anni. Già, perché se è vero com’è vero un’immagine vale mille parole, allora *un fumetto vale mille status update*. Bitstrips è esattamente quello: un post di Facebook trasformato in fumetto. E se avete bisogno di citare un vostro amico, potete coinvolgerlo nel fumetto, come ci aveva già raccontato Valerio Mingarelli** spiegandoci che Bitstrips sta stregando gli utenti Facebook.

Il modo migliore per costruire i fumetti è sfruttare l‘app per Facebook, ma per sfogliare i fumetti degli amici è più adatta l’app per iPhone e Android, dove potete vedere tutti gli status update dei vostri contatti in un news feed sempre aggiornato. Il modo più veloce di creare e condividere fumetti è però l’app, nonostante i limiti di editing. Per l’avatar invece è decisamente consigliata l’app di Facebook, perché da telefono avete un numero inferiore di opzioni

La prima cosa da fare per usare Bitstrips è creare il proprio account/avatar, onde evitare che lo facciano i vostri amici. Già, perché gli amici possono creare il vostro personaggio ed è quindi meglio che lo facciate voi. Poi potete subito creare un fumetto, partendo da quelli base presenti. Fate una ricerca per il tema che vi interessa, scegliete la vignetta e prima di pubblicarla potrete editarla: selezionate ogni campo del vostro corpo o gli oggetti nei paraggi e potrete muoverli, rimuoverli, cambiare espressione del volto, modificare la posizione del corpo, delle mani e così via. Su smartphone siete limitati, ma su Facebook vi potete spingere ben oltre delle semplici modifiche.

Perché usare Bistrips? Ho messo insieme un paio di idee:

  • per far notare il vostro post all’interno dello stream di Facebook o Twitter quando avete qualcosa di importante da dire;
  • per indirizzare un messaggio speciale a un vostro amico;
  • per mostrare agli altri che anche quando cazzeggiate lo fate in modo intelligente;
  • perché nessuno si legge status molto lunghi e con un’immagine si può dire di più con meno parole;
  • per creare il vostro avatar e limitarvi a scaricalo, anche se in questo caso potreste usare tranquillamente iMadeFace.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+