Microsoft ha annunciato una novità interessante, dedicata al proprio motore di ricerca: Bing Offers è una sezione che raccoglie le migliori offerte – da partner come Groupon, Living Social, ecc. – e “sorprendentemente” è attiva anche in Italia. Ieri, le funzionalità dello strumento sono state arricchite con Card-Linked, che sarebbe un programma per sostituire i coupon. Gli sconti sono scalati dai prezzi di listino all’atto dell’acquisto via Bing, senza bisogno d’andare in negozio e portare con sé dei pezzi di carta. Comodo, no?

Non così tanto, al momento. Bing ha lo stesso problema di Google — aggravato dall’indisponibilità di molte funzioni, fuori dagli USA: i servizi non sono degnamente integrati fra loro e Bing Offers prevede un’iscrizione separata dai Microsoft Accounts. In pratica… non sono gli sconti a farsi trovare. Dovete andare a cercarveli all’apposito indirizzo! Affinché l’iniziativa abbia successo, considerando pure le numerose alternative a questo meccanismo di sconto, Microsoft dovrebbe davvero renderla più omogenea col motore di ricerca.

Card-Linked per Bing Offers è stato inaugurato negli Stati Uniti, a Seattle, e non sarà esteso all’Europa o all’Italia per diverso tempo: la sezione – come potete dedurre dall’immagine associata al mio intervento – è disponibile nel nostro Paese, ma non la nuova feature. Essendo giusto un esperimento è comprensibile, però la versione italiana del motore di ricerca non ha ancora adottato il nuovo logo di Bing e Page Zero, che emula le caratteristiche di Google Instant. Quando intendono allineare il portale a quello statunitense?