Prevenire le gravidanze indesiderate coi contraccettivi? Presto, sarà possibile farlo con un chip telecomandato: il progetto – finanziato da Bill Gates – è del MIT e promette d’essere un anticoncezionale sicuro ed efficace. Impiantato sotto la pelle, il microchip rilascia un ormone per impedire che la donna possa rimanere incinta, durante il rapporto sessuale. Il presidio sarà disponibile a partire dal 2018 a un prezzo definito competitivo dai suoi sviluppatori e sarà una soluzione meno invasiva per la contraccezione femminile.

Il chip, che non è quello riportato nella foto in evidenza, misura all’incirca due centimetri di lunghezza: tre quarti sono riservati al serbatoio del levonorgestrel che può essere rilasciato per sedici anni. È giusto chiedersi quanto sia davvero sicura una simile tecnologia, comandata a distanza da un telecomando che potrebbe essere riprogrammato. I ricercatori assicurano che non esiste questo rischio, ma è impossibile averne la certezza assoluta — meglio continuare a usare il preservativo [vedi gallery] che usare un microchip?

Non stupisce che a finanziare il progetto sia stato proprio Gates, impegnato nella beneficenza: il controllo delle nascite è una priorità dei paesi in via di sviluppo e questo chip a basso costo potrebbe limitarne la sovrappopolazione. Dal punto di vista tecnologico, però, il progetto pone diversi interrogativi sulla sicurezza della persona perché potrebbe attirare una nuova e più pericolosa forma di virus informatici. Non sembra molto saggio affidare la contraccezione a un dispositivo elettronico che è controllabile da remoto.

photo credit: fdecomite via photopin cc