Ogni anno si tiene una manifestazione dedicata alla start up che operano nel settore tecnologico e digitale. L’edizione del 2011 di LeWeb ha premiato un’azienda italiana, la Beintoo. E’ stata fondata da un imprenditore italiano giovane e punta a far incontrare gli sviluppatori con gli inserzionisti per incrementare i profitti degli uni e degli altri. Quando si parla di Beintoo è questo quel che deve essere tenuto presente.

La rassegna parigina LeWeb ha premiato per l’appunto Beintoo che è stata ammessa tra le 16 finaliste a fronte di circa 600 richieste di partecipazione alla ”competizione”. La piattaforma, spiega il suo fondatore Antonio Tomarchio, vuol essere un punto d’incontro tra gli sviluppatori e gli inserzionisti.

In pratica gli inserzionisti usano questa strategia: premiano i loro clienti in base al raggiungimento di un punteggio elevato in alcuni giochi. Da parte loro gli sviluppatori sono invogliati a produrre un sempre maggior numero di applicazioni per le persone che giocano.

I loro profitti, infatti, dipendono dal numero di download di una certa applicazione. Il sistema è testato, ha funzionato anche per Fruit Ninja che è risultata tra le applicazioni più gettonate del web.

I profitti, secondo Beintoo soo divisi tra sviluppatori e inserzionisti mentre tutti e due aumentano i loro “contatti”.