Nonostante il problema dell’autonomia sia stato ristretto a pochi casi con aumento della capacità delle batterie all’interno dei nostri smartphone e l’ottimizzazione dei processori lato consumi, nonché i preziosi consigli di Marco Usai sulla durata della batteria per Android, ci troviamo ancora a dover ricaricare il telefono prima della fine della giornata lavorativa soprattutto se usato molto intensamente. Per fare fronte a questo problema sono stati implementati dei battery pack che consentono i nostri telefoni di fare un ciclo di ricarica anche completo quando siamo lontani da prese di corrente o simili.

Tuttavia questi battery pack hanno il problema di essere leggermente ingombranti, per cui Devotec ha pensato bene di sfornare una sua invenzione che rivoluzionerà per sempre il mondo degli smartphone: il Fuel Micro Charger infatti è un battery pack che non ci dà un ciclo completo di ricarica, ma quel tanto che basta per tenere vivo il cellulare per qualche altra ora, il tutto più o meno in un oggetto delle dimensioni di una moneta.

In questo modo sicuramente non risolveremo per sempre il problema dell’autonomia, però in ogni caso avremo un supporto che potrà servirci in caso di emergenza quando proprio non sappiamo che cosa fare e abbiamo il led rosso che è sopraggiunto prima del tempo. Attraverso la pagina del progetto su Kickstarter possiamo vedere tutte le meccaniche di baci per questo caricabatteria d’emergenza: al momento non è prevista una versione iPhone (da file di progetto) anche se avendo raggiunto e ampiamente superato la soglia minima del finanziamento sicuramente verrà prodotta anche questa soddisfacendo gli utenti Apple, sia in versione “legacy” che con connettore Lightning.

Io personalmente penso che non appena ne vedo uno in Italia lo comprerò immediatamente, perchè attaccato al portachiavi può essere una risorsa fondamentale per la batteria dei miei device portatili dai quali lavoro. Se poi ancora non vi bastasse… allora ci sono gli automatismi per Atooma di Lucia Bracci.