Rivoluzione nel mondo della sicurezza informatica. Avast ha annunciato di aver acquisito AVG per 1.3 miliardi di dollari. L’operazione riguarda due tra le software house più conosciute nel panorama della sicurezza informatica ed entrambe offrono apprezzati suite per la difesa sia dei computer che dei dispositivi mobile. Tra i loro prodotti più noti si segnalano Avast Free Antivirus ed AVG Free, due antivirus dalle eccellenti caratteristiche offerti gratuitamente agli utenti di tutto il mondo.

Avast, oggi, è una importante realtà in grado di controllare oltre un quinto del mercato degli antivirus e l’acquisizione di AVG le permetterà non solo di ampliare la sua fetta di mercato ma anche di guadagnare nuove competenze per espandere le sue soluzioni di sicurezza nel settore mobile e in quello degli oggetti, un mercato in forte espansione. Grazie a questa operazione, Avast coprirà con le sue soluzioni di sicurezza oltre 400 milioni di dispositivi di cui 160 sono mobile, segno evidente di come il mercato chieda applicazioni per questo generi di prodotti. Attualmente, i soli software della sola Avast sono presenti in oltre 230 milioni di dispositivi.

In un mercato che sta mutando ed in forte espansione in diverse nuove direzioni, Avast punta a potenziare la sua offerta per affrontare le sfide del futuro con maggiore sicurezza e certa di poter proporre soluzioni di qualità non solo per i PC ma anche per i dispositivi mobile e per tutti gli oggetti connessi.

AVG, si ricorda, è una software house nata all’inizio degli anni ’90 in Cecoslovacchia ma adesso la sua sede operativa è ad Amsterdam. Avast, invece, è nata nel 1988 a Praga. Il progetto di acquisizione è stato approvato da entrambi i consigli di amministrazione ma per completare l’operazione si dovrà aspettare il via libera degli azionisti di AVG.