Automattic, la compagnia di Matt Mullenweg che sviluppa WordPress e WordPress.com, ha appena acquistato Cloudup: una startup, avviata di recente, che fornisce 200Gb gratuiti per i contenuti multimediali da pubblicare sui blog. Ciò comporta una grande estensione dello spazio disponibile, che ammontava ad appena 3Gb — mentre per averne 200Gb occorreva pagare $290 all’anno. È un’ottima notizia per i blogger che utilizzano la piattaforma e che, attratti dalla maggiore duttilità del servizio, sarebbero passati quanto prima a Tumblr.

La capacità di Cloudup è disponibile anche sui blog che utilizzano WordPress, il Content Management System (CMS) installato sul proprio hosting: al momento, la registrazione al servizio è separata da quella a WordPress.com… ma un codice permette d’utilizzare le stesse credenziali ed essere riconosciuti col Gravatar impostato per il profilo. Così, una tra le migliori piattaforme di blogging acquisisce uno strumento per la condivisione dei contenuti multimediali che spazia dai blog ai social network. Sì, perché Cloudup non chiude.

Ogni singolo file può avere una dimensione fino a 200Mb e sono mille i documenti caricabili per raggiungere la massima capienza dello storage. Non è esteso quanto lo spazio di Flickr, ma Cloudup intende avviare il proprio modello di business vendendo delle quote superiori: Automattic tenderà a integrare maggiormente la piattaforma con WordPress.com e WordPress, però non dovrebbe interrompere l’erogazione dei servizi a terze parti. Mi sono già iscritto e l’interfaccia-utente è davvero intuitiva. Bella mossa, quella di Mullenweg.