La Cia starebbe controllando sempre di più i social Network come Facebook e Twitter, lo scopo di questo “controllo” è quello di ricercare informazioni sensibili.

La notizia è da film Spy-Story, l’intelligence statunitense ha reclutato un numero considerevole di esperti nelle lingue come arabo, cinese e molte altre, che devono “verificare” cosa scrive l’uomo comune.

La storia ricorda molto i mitici film di spionaggio degli anni 70/80, quando il nemico era la Russia, oggi il pericolo corre sul Web, le informazioni viaggiano velocissime sulla rete e qualcuno le deve controllare.
L’agenzia che si occupa di questo speciale reparto di controllo americano verifica ogni giorno una cifra enorme d’informazione, gli analisti raccolgono i frammenti di post, poi li archiviano e li confrontano con altri “simili” per confrontare la notizia potenzialmente “pericolosa”.

La CIA utilizza queste informazioni per comprendere l’umore delle folle per quanto riguarda specifici avvenimenti di riflesso mondiale, l’istituto ha un ruolo chiave nel riassumere cosa pensa uno straniero della politica statunitense e quindi “aiutare” il portavoce per un’eventuale “smentita” delle dichiarazioni e dei fatti.

Sembrerebbe proprio che gli 007 non sono più come quelli dei film, ma si trovano comodamente seduti dietro un monitor.